Seleziona una pagina

Quest’anno Living Room, evento organizzato dall’Associazione Art.ur alla sua 6^ edizione, vi invita a scoprire le opere che 4 artisti hanno realizzato in dialogo con 4 realtà legate al mondo della moda e del tessuto, nel cuore della Città di Cuneo. 

Chiara Camoni, Nicola Genovese, Daniel González e Agathe Rosa sono i nomi dei quattro artisti di rilievo nazionale e internazionale selezionati dal curatore Andrea Lerda per l’edizione 2022. In continuità con la scelta dello scorso anno di dialogare con professionisti nell’ambito dell’architettura, gli artisti di quest’anno sono stati invitati a trascorre un periodo di residenza presso quattro realtà cuneesi legate al mondo della moda e del tessuto. 

La giovane artista marsigliese Agathe Rosa ha dialogato con la Famiglia Cerati della storica Cappelleria Cerati; l’argentino Daniel González è entrato in contatto con Rossella Campisi e la sua collega Karin Holzmann della bottega Pas de Mots; l’italo-svizzero Nicola Genovese ha incontrato lo stilista Osvaldo Montalbano della storica boutique Senza tamburi né trombette, mentre l’artista italiana Chiara Camoni, di base a Fabbiano, in Alta Versilia, è stata accolta da Nicoletta Giuliano dell’atelier sartoriale Nicouture. 

I temi esplorati dagli artisti durante la residenza – che quest’anno prende il titolo di Performing textile – hanno origine dalle numerose simbologie legate al tessuto, indagato sia nella sua dimensione materica sia in quella concettuale.  

È noto come i tessuti siano sempre stati usati dal genere umano per vestirsi, per abitare lo spazio e per costruire oggetti e pensiero. Molti artefatti usati quotidianamente in una varietà di contesti culturali, sociali o religiosi, hanno contribuito alla costruzione e alla decostruzione di idee, visioni e comportamenti.  

Un tempo frutto del sapiente lavoro manuale, oggi appannaggio dell’industria tessile, i prodotti della moda sono una vera e propria forma di linguaggio in costante evoluzione, in grado di comunicare mediante le loro forme, le loro iconografie e i loro colori. È proprio a partire dalla dimensione di artigianalità che caratterizza i professionisti coinvolti, che le opere degli artisti sono anche pensate per attivare una riflessione sui concetti di sostenibilità, in relazione a uno dei settori che, a livello di grande distribuzione, è maggiormente responsabile del carbon footprint e dell’inquinamento ambientale 

Nel contesto di Performing textile, la relazione con il tessuto si sviluppa a partire dalle connessioni sottointese dall’etimologia latina della parola textus, dalla quale derivano i termini italiani “testo” e “tessuto”. Il tessuto viene allora inteso come spazio aperto alla veicolazione di contenuti, in grado di produrre processi di cambiamento nel pensiero individuale e collettivo e viene interpretato dai creativi sotto diversi punti di vista, a partire dal confronto con i professionisti coinvolti e con gli spazi per i quali gli interventi sono pensati. 

I quattro artisti propongono opere inedite e dal carattere site-specific, nelle quali la dimensione performativa dialoga con quella installativa e lo spazio privato dialoga con quello pubblico. Gli artisti partono dal concetto di textus per attivare riflessioni critiche sui concetti di mascolinità e distruzione, per intervenire in chiave ludica e celebrativa su spazio e architettura, per risignificare i concetti di artigianalità e manualità.
I lavori cercano di aprire dei varchi all’interno dell’universo di certezze di chi osserva, offrendo spunti di riflessione e provocazioni volte a disinibire abitudini e convenzioni. 

Gli interventi ideati dagli artisti saranno presentati al pubblico nella consueta modalità di opening diffuso nelle giornate di venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 ottobre. 

L’artista Nicola Genovese realizzerà una performance presso la boutique “Senza tamburi né trombette” venerdì 21 e sabato 22 alle ore 17.30. 

LIVING ROOM 2022
Artisti: Chiara Camoni, Nicola Genovese, Daniel González e Agathe Rosa
Curatore: Andrea Lerda
Periodo di residenza: agosto 2022
Opening:
venerdì 10 dicembre dalle 17.00 alle 20.00
sabato 11 dicembre dalle 16.00 alle 20.00 / domenica 12 dicembre dalle 16.00 alle 20.00

Visite guidate gratuite con prenotazione obbligatoria, partenza da Via Roma 26
oppure
Ingresso libero

L’iniziativa è organizzata e promossa dall’Associazione Art.ur
con il patrocinio del Comune di Cuneo
con il contributo della Regione Piemonte, della Fondazione CRC e della Fondazione CRT
con la collaborazione del Parco Fluviale Gesso e Stura 
nella rete di ClimAttitude, ULG Cuneo
Sponsor tecnici: Open Baladin Cuneo e Cuneo Hotel

Per ulteriori informazioni:
segreteria.artur@gmail.com
info@art-ur.it
Facebook @associazioneArtur
Instagram @associazioneArtur

comunicato stampa
locandina
flyer 

Per approfondire
Punto espositivo n. 1 Chiara Camoni e il centro di Sperimentazione
Punto espositivo n. 2 Nicola Genovese
Punto espositivo n. 3 Daniel Gonzàlez 
Punto espositivo n. 4 Agathe Rosa